AUTISMO E LEGGE N. 134/2015

Sabato 2 Aprile sarà la giornata mondiale dell’autismo.

 

image

 

L’autismo è un disturbo caratterizzato dalla perdita del contatto con la realtà e la corrispondente costruzione di una vita interiore propria, che viene anteposta alla realtà stessa.

Purtroppo, come è noto, colpisce anche i bambini e si parla in questo caso di autismo infantile, che si manifesta solitamente nei primi tre anni di vita come un mancato sviluppo di relazioni sociali e affettive, sia con i genitori che con i coetanei, difficoltà nell’uso del linguaggio e nella comunicazione, apatia, ripetitività nei giochi e rigidità nei movimenti.

 

image
Tante sono le associazioni che affiancano le famiglie di adulti o bambini affetti da autismo e che si adoperano per promuovere i loro diritti.
Tali diritti sono stati codificati nel maggio del 1996 dall’Associazione Internazionale Autisme Europe nella Carta dei diritti delle persone autistiche, accolta dal Parlamento Europeo, e contenuti nella Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.
In Italia fino all’anno scorso purtroppo non esisteva alcuna legge nazionale a tutela e sostegno delle persone colpite da autismo e delle loro famiglie. La materia infatti è stata per anni oggetto solo di provvedimenti a livello particolare (delibere di Giunta Regionale, circolari INPS).
La prima legge sull’autismo approvata dal nostro Parlamento è entrata in vigore il 12 settembre scorso. È la legge n. 134/2015.
La legge si compone di sei articoli e prevede l’inserimento nei livelli essenziali di assistenza dei trattamenti per l’autismo, l’aggiornamento delle linee guida per la prevenzione, la diagnosi e la cura, oltre che alla ricerca nel campo.

 

image

 

Follow: